I NOSTRI SITI DEDICATI

Una pelle di lastre di alluminio grecate e isolate sia termicamente che acusticamente, su una struttura curvilinea di legno lamellare armato, caratterizzano l’ampliamento di una costruzione preesistente con destinazione mista dall’officina meccanica al punto di ristoro, fino all’abitazione. Con il massimo delle prestazioni (anche estetiche) del profilo Alubel Tek28.


Fuori, metallo, dentro, cioè all’intradosso, legno lamellare. Tutto con una struttura portante curvilinea che definisce una forma architettonica integrata nel paesaggio urbano e naturale circostante. A Caldonazzo, provincia di Trento, l’ampliamento di una stazione di servizio di carburante, con annesso bar tavola calda, è ampliato nelle volumetrie per ospitare anche un’attività di officina meccanica, con funzione di centro di revisione per le automobili; in più, adiacente a questo è realizzato anche un nuovo edificio che ospita l’abitazione del proprietario e un magazzino. La struttura elaborata riprende le tipologie tradizionali di costruzione ma impreziosendole con una copertura curvilinea elaborata e ad alte prestazioni: un pacchetto che parte dalle travi armate di legno lamellare (rinforzate da un’armatura con una o più barre metalliche su tutta la lunghezza) e arriva a chiudere con le lastre metalliche di lamiera grecata dotate di strato isolante termoacustico. Il progetto è della società di ingegneria Armalam di Pergine Valsugana (TN), dei progettisti Claudio Cattich e Luca Gottardi. Della costruzione è stata incaricata l’impresa Ires Costruzioni di Trento.


L’edificio è strutturato secondo diverse zone: la zona che riguarda l’officina è costituita da travi curve a sezione doppia, curvate verso l’alto, con una lunghezza di carico di circa 12 m e con travetti orditi in direzione ortogonale con passo di 1 m. Poi c’è la zona collocata all’altezza dell’abitazione, dove sono state utilizzate travi a sezione doppia alle quali è appeso il soppalco con tiranti d’acciaio; quindi queste travi reggono sia il tetto che il soppalco, appeso all’orditura principale superiore. Su questa struttura si appoggia la stratigrafia del pacchetto di copertura, composto – dall’interno all’esterno – da perline di abete da 2 cm di spessore, da uno strato di freno vapore, dall’isolante, da una guaina impermeabilizzante e dal manto di copertura di lastre grecate di alluminio con strato di poliuretano integrato. Il resto delle strutture è in cemento armato con tamponamenti convenzionali.


La copertura


caldonazzo02

La scelta di rivestire il lato esterno della copertura con lastre di alluminio della linea Tek 28 di Alubel è legata alle caratteristiche del prodotto, che consentono di elevare resistenza, comfort e lunga durata del manufatto. Si parla infatti di vantaggi come: riduzione del rumore da impatto diretto di pioggia e grandine, con il miglioramento del comfort acustico interno; riduzione dell’effetto condensa con la circolazione dell’aria sottomanto che preserva l’isolamento termico dai ristagni di umidità e condensa, soprattutto in inverno, e dal surriscaldamento interno dei locali dovuto all’effetto del sole nei mesi estivi (effetto tetto caldo-ventilato); ottima pedonabilità nel caso della manutenzione senza ammaccature; riduzione dei danni da grandine; eliminazione dei ponti termici con l’isolamento dell’intradosso della lamiera e dei rischi di corrosione galvanica delò materiale prodotta dal contatto fra metalli diversi, separati fra loro dallo strato di poliuretano. In un mese di tempo, le lastre grecate e isolate termoacusticamente Alubel Tek28 sono state posate in opera da squadre composte da due operatori, semplicemente posizionando il prodotto e graffettandolo, con un processo di posa rapido e pulito che ha sfruttato le proprietà del prodotto.


Le prestazioni


caldonazzo03In un ambiente climatico come quello della provincia trentina, scegliere un sistema come Tek28 ha portato a realizzare una copertura altamente performante, in grado di integrare lunga durata all’azione degli agenti atmosferici (pioggia, vento e neve in primis, ma anche i forti carichi inquinanti nell’aria) e durabilità elevata sia del manto sia del substrato di poliuretano espanso con alta densità da 60 kg/m3 e spessore costante di 10 mm, perfettamente aderente al metallo e indissolubile dalla lastra nelle consuete applicazioni di utilizzo. I posatori - della ditta specializzata Plantschner - hanno prestato attenzione a rispettare alcune semplici regole per effettuare una posa corretta del prodotto, in particolare rispetto alla collocazione precisa delle onde e delle aree destinate alla sovrapposizione dell’elemento contiguo e delle lastre sottostanti libere dal rivestimento di poliuretano, in modo che questo rimanga continuo nelle giunzioni all’intradosso e senza problemi di tenuta all’acqua della copertura, lungo i fianchi delle lastre e sulla connessione di testa.
La rigidezza di ogni lastra Alubel Tek28, con la possibilità di camminarvi sopra in caso di manutenzione, è garantita dalla natura composita del prodotto con l’integrazione fra la lamiera e l’isolante; una caratteristica di resistenza che non ha compromesso la possibilità di lavorare le lastre con tacchettatura per raggiungere la curvatura adatta e seguire l’andamento fluttuante della struttura sottostante di legno lamellare, garantendo nel contempo l’unitarietà dello strato isolante in ogni punto del manto. L’altro fattore chiave nella scelta e nell’applicazione del sistema Tek28 è relativo alle proprietà fonoisolanti, particolarmente importante per gli spazi destinati all’abitazione. La struttura elastica a celle del poliuretano assorbe e riduce fortemente i rumori aerei, a partire da quelli provocati dall’impatto sulla copertura di pioggia e grandine, mentre l’accoppiamento di materiali e spessori diversi (metallo e poliuretano) riesce a limitare il passaggio delle vibrazioni provocate dai rumori e le trasforma in un aumento di calore infinitesimale, pronto per essere dissipato dal sistema.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie